Elena: convivere con i sintomi della menopausa - Menopausa

Elena: convivere con i sintomi della menopausa

Mag 31, 2017
1126 Views

Mi chiamo Elena, ho da poco compiuto 50 anni e, indovinate un po’, sono entrata ufficialmente in menopausa da circa un anno e mezzo. Ho deciso di scrivervi per:

1) Rincuorare tutte le donne che come me si trovano a dover affrontare dall’oggi al domani i terribili fastidi della premenopausa e del primo periodo della menopausa

2) Farvi sapere che, passate le vampate, passati gli sbalzi di umore, passati i fastidi alla pelle e alle articolazioni, e chi più ne ha più ne metta, beh, si vive benissimo anche in menopausa!

Ok, non posso affermare che l’entrata in menopausa sia piacevole per tutte le donne: avevo amiche che mi dicevano “Starai una meraviglia” e amiche che invece mi ripetevano con tono disperato “Goditi il tuo ciclo finché sei in tempo”. Per colpa dei mille pareri e commenti che mi vorticavano in testa, avevo più ansia ben prima che il fatidico momento si avvicinasse e, in realtà, non riuscivo a rendermi conto che quella paranoia e terrore che cresceva in me nei confronti della menopausa era più indotto dagli altri che basato su ragioni concrete.

Vi posso assicurare che il momento nel quale si prende consapevolezza di essere in menopausa è infatti meno traumatico dell’attesa di questa. Ricordo quando ai primi sintomi avvertiti non facevo altro che crucciarmi e ripetermi: “E adesso, quando entrerò ufficialmente in menopausa, come degenereranno? Cosa diventerò? Una signora cicciona in preda all’isteria e che non riesce più a fare l’amore con suo marito?” …. Tranquille, non è affatto quello che è successo, e il passaggio dall’una all’altra fase è stato assolutamente naturale, nessun colpo di scena o chissà quale insopportabile fastidio…

Da allora ho cominciato a convivere con molti dei tipici disturbi della menopausa: a volte mi sveglio nel cuore della notte tutta sudata, alcuni giorni il mio umore è un po’ più a terra di altri nei quali mi sento particolarmente euforica, e…sì, bisogna imparare a convivere con un corpo un po’ diverso, che cambia, che tende ad ingrassare più facilmente (anche se ho molte amiche coetanee che, facendo jogging, sono più in forma di me 30 anni fa!) ma per il resto, davvero è più o meno tutto come prima.

 Forse sono tra le donne fortunate che hanno avuto l’onore di avere sintomi controllabili, o forse semplicemente il mio livello di sopportazione è tale da permettermi di gestirli al meglio.

 In ogni caso, nei momenti in cui un po’ superficialmente mi ritrovo a pensare alla menopausa come ad un peso, mia madre mi ricorda sempre che ai suoi tempi e ai tempi di mia nonna, quando la donna entrava in menopausa lo faceva “in totale silenzio”, nel senso che non stava lì a disperarsi o crogiolarsi per una condizione che è, per il sesso femminile, assolutamente fisiologica e stampata nel DNA di migliaia di specie viventi. E se penso a quanto dovesse davvero essere difficile entrare in menopausa all’epoca, in assenza di tutto il sostegno e i rimedi che ci sono oggi, quasi mi vergogno a lamentarmi.

Oggi ci sono così tante soluzioni e aiuti per convivere con la menopausa che è impossibile, insomma, non riuscire a viverla serenamente: la propria ginecologa di fiducia può seguirti in tutto e per tutto, ci sono molti esperti contattabili sul web, informazioni professionali che si possono trovare su siti ormai affermati e affidabili, community di donne con le quali scambiare pareri ed informazioni…E poi, ci sono i rimedi, rimedi per ogni esigenza!

Insomma alle volte, quando arrivo in farmacia, mi viene da sorridere quando di fronte allo scaffale degli integratori per contrastare i disturbi della menopausa, mi ritrovo a fissare decine di confezioni diverse, molti dei quali a base di sostanze naturali, utili per contrastare tutti, ma proprio tutti i sintomi tipici di questo periodo della nostra vita.

 

Immagino mia nonna, che tutte queste “comodità” non le aveva neppure, e che non si è mai lamentata neppure una volta dei suoi “disturbi” da donna matura. Per non parlare del rapporto meraviglioso che aveva con mio nonno, al quale è rimasta amorevolmente unita fino alla fine dei suoi giorni. Se penso oggi a quante donne abbiano paura di non essere più guardate allo stesso modo dal proprio marito in menopausa per qualche chiletto in più o una fastidiosa secchezza vaginale facilmente risolvibile, quasi mi sento io stessa un po’ in colpa…

Non voglio sminuire in questo modo tutte quelle donne che vivono la menopausa, soprattutto nei primi anni, come un disagio fisico ma soprattutto psicologico, dal momento che anche io, inizialmente potevo annoverarmi tra queste. Quei giorni sì, sono stati un po’ difficili, ma poi piano piano, dal sentimento di rassegnazione e di negatività nei confronti di una condizione che mi sembrava la fine dell’universo, sono passata all’accettazione e alla pacifica convivenza.

Insomma, convivere con i sintomi della menopausa è assolutamente possibile. A volte esageriamo un pochino, a volte non troviamo la giusta motivazione o il giusto appiglio per guardare positivamente un qualcosa che poi, in fondo in fondo, quando sopraggiunge è la cosa più normale del mondo. Non mi lamento della mia pancetta di troppo, né dei miei stati d’ansia o degli sbalzi d’umore…forse un po’ di più delle vampate di calore, contro le quali ho scoperto un alleato nei composti naturali di cimicifuga– diventando a tutti gli effetti una vera esperta nella preparazione di tisane – ma vi assicuro che non c’è nulla di così spaventoso e insormontabile in questa “fatidica” menopausa.

 A volte serve solo un po’ di pazienza e di sana convivenza! Perciò donne, state tranquille e tenete duro: chi soffre un po’ di più ora si riscatterà certamente in post menopausa…Del resto la parte più bella della vita dicono cominci dopo i 50, no?

 

Elena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito impiega cookie analitici e di profilazione di terze parti. Proseguendo la navigazione viene espresso il consenso al loro impiego. Per ulteriori informazioni a riguardo o per negare il consenso all'utilizzo dei cookie è possibile prendere visione della nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi