Attività fisica in menopausa: 5 motivi per allenare il tuo corpo

Menopausa: contrasta i disturbi con l’attività fisica

Benessere | 12.02.2018

L’attività fisica e il movimento sono da sempre essenziali per mantenerci in salute e in una buona forma fisica. Questo è ancora più vero in menopausa, dove un po’ di esercizio costante può giocare un ruolo importante per contrastare i disturbi tipici di questa fase della nostra vita.

Cinque motivi per fare attività fisica in menopausa

  • Manteniamo il peso ideale e contrastiamo il sovrappeso. In menopausa, a causa del cambiamento dei livelli ormonali, il nostro metabolismo tende a rallentare e aumentiamo di peso più facilmente: l’esercizio fisico non solo ci aiuta a consumare le calorie in eccesso, ma, in associazione ad una dieta equilibrata, mantiene attivo il nostro metabolismo ed è utile a bruciare i grassi in eccesso.
  • Miglioriamo la pressione arteriosa e agiamo positivamente sui livelli lipidici e glicemici presenti nel circolo sanguigno. Fare attività fisica aiuta infatti a ridurre il colesterolo totale, ad aumentare il colesterolo buono (HDL) e a ridurre i trigliceridi. Inoltre il movimento svolge un’azione favorevole sulla tolleranza agli zuccheri, riducendo il rischio di diabete. Tutti questi aspetti ci aiutano ad abbassare il rischio di malattie cardiovascolari

Click to Tweet

#ASCOLTALATUAPELLE: un'attività fisica regolare può prevenire e contrastare problematiche e disturbi tipici della #menopausa.

  • Rallentiamo l’invecchiamento di muscoli, ossa e articolazioni. I muscoli mantenuti in allenamento sono soggetti a lesioni in misura minore e garantiscono un ottimo supporto ad ossa e articolazioni durante il movimento. L’attività fisica contrasta inoltre la perdita di massa ossea, incrementa la densità delle ossa e previene in tal modo l’osteoporosi, mentre le articolazioni, grazie al continuo movimento, continuano ad essere lubrificate, rimangono più elastiche ed invecchiano più lentamente.
  • Riduciamo lo stress, preveniamo l’ansia e combattiamo l’insonnia. Con l’esercizio fisico aumentano infatti i livelli di catecolamine e di beta-endorfine, i cosiddetti “ormoni della felicità”, che svolgono un effetto positivo anche sull’umore.
  • Contrastiamo i principali disturbi legati alla menopausa come mal di testa, irritabilità e vampate di calore.

Quale tipo di attività fisica è consigliata in menopausa?

Non è necessario svolgere esercizi pesanti o troppo impegnativi, anzi basta un impegno moderato ma costante. È consigliata infatti un’attività a basso impatto meccanico, che non solleciti eccessivamente muscoli e articolazioni che possono altrimenti andare più facilmente incontro ad usura e lesioni.

L’attività da preferire è quella aerobica, che richiede bassa intensità e lunga durata.

Gli sport aerobici sono molto utili perché migliorano la funzionalità cardiaca e polmonare e aiutano a tenere sotto controllo il peso e ad agevolare l’assorbimento dei nutrienti dell’osso come calcio e vitamina D.

Molto consigliati sono anche il nuoto e gli esercizi in acqua in generale, perché stimolanti la circolazione e in grado di contrastare la ritenzione idrica; ma sono altrettanto efficaci la bicicletta, lo yoga (che contribuisce a ridurre l’insonnia) e il pilates. Ok anche a un po’ di stretching, importante a fine di ogni allenamento, jogging, balli di gruppo (dove si fa anche amicizia) o di coppia (specialmente il sensualissimo tango da ballare con il proprio compagno) e anche una bella camminata a passo svelto.

L’importante è comunque riscaldarsi 5-10 minuti prima di iniziare un’attività aerobica e dedicare un po’ di tempo anche alla fase di recupero. Tutte le attività devono inoltre essere praticate con una certa regolarità e non oltre i 40 minuti a sessione.

Tutto sta nel cominciare con la dovuta calma, e una volta preso il ritmo, dopo i primi mesi di allenamento cominceremo a vedere già i primi risultati!

Vuoi maggiori informazioni?

<