Perdita di memoria in menopausa: come contrastarla

Memoria: le donne meglio degli uomini ma occhio alla menopausa!

13.02.2018

È proprio vero: una donna non dimentica. Ebbene sì, come in molte abbiamo sempre pensato, le donne hanno una memoria migliore di quella degli uomini. A rivelarlo è una ricerca condotta su un campione di 212 persone di entrambi i sessi, di età compresa tra i 45 e i 55 anni. Secondo lo studio, però, la buona memoria femminile entra improvvisamente in crisi con la menopausa. Ma vediamo nel dettaglio perché.

Click to Tweet

In menopausa la memoria viene compromessa dal calo di estrogeni. Combatti questa condizione tenendo la mente sempre ben allenata!

I risultati della ricerca

Lo studio è stato condotto presso il Brigham and Women’s Hospital di Boston e le conclusioni sono state pubblicate in un articolo su “Menopause”, la rivista della North American Menopause Society (Nams).

Le donne e gli uomini coinvolti nello studio hanno svolto una serie di test di memoria e funzioni cognitive, che hanno analizzato vari aspetti della memoria: le funzioni esecutive, i processi semantici, l’intelligenza verbale, la memoria a breve termine, quella associativa, quella episodica e così via.

Dai risultati è emerso che le donne sono superiori agli uomini per capacità mnemonica, sia che si tratti di ricordare episodi del passato sia che si tratti di recepire nuove informazioni. Questo relativamente a donne in pre-menopausa e peri-menopausa (vicine ma non ancora in menopausa). Nel caso di donne già in menopausa, invece, la situazione è diversa. In quel caso gli uomini e le donne più giovani eseguono le performance migliori, soprattutto per quanto riguarda la memoria a breve termine e la capacità di memorizzare nuove informazioni (sono salvi, invece, i ricordi del passato).

Con l’ingresso nella menopausa, infatti, inizia una progressiva diminuzione della memoria, dovuta – eh sì, il motivo è sempre quello – al calo degli estrogeni. Questi ormoni, infatti, sono coinvolti nel funzionamento dei principali neurotrasmettitori del cervello, che regolano l’umore, le capacità cognitive e la capacità di gestire lo stress.

Esercitiamo la nostra memoria… ecco qualche consiglio!

Ma non disperiamo! Anche se incominciamo a notare che la nostra memoria non è più quella di una volta, dobbiamo reagire. In fondo siamo state sempre bravissime a ricordarci compleanni, anniversari, appuntamenti di lavoro, impegni dei figli… Se, adesso, ogni tanto, si crea un po’ di confusione, concediamocela e proviamo a rimediare con gli strumenti che abbiamo a disposizione.

Il modo migliore per contrastare il declino cognitivo è tenere impegnato il cervello, in modo da aumentarne le connessioni e le reti neurali.

Attività come le parole crociate, il sudoku, gli scacchi, ma anche semplicemente la lettura e la scrittura costituiscono un’ottima ginnastica mentale da poter praticare in qualsiasi momento. Senza dimenticare l’importanza della ginnastica vera e propria. Lo sport, infatti, stimola la neurogenesi cerebrale e può portare benefici direttamente all’ippocampo, una parte del cervello che svolge un ruolo importante nella memoria a lungo termine e nella navigazione spaziale.

Prodotti consigliati

Vuoi maggiori informazioni?