Pancia gonfia in menopausa: le cause scatenanti
Menopausa e gonfiore addominale

Menopausa e gonfiore addominale perché? Scopri le cause del problema!

Disturbi menopausa | 13.02.2018

Generalmente le donne hanno maggiori problemi di pancia gonfia rispetto agli uomini ed in menopausa il gonfiore addominale tende a diventare un disturbo ancora più frequente, a causa di fattori diversi.

Vediamo quali.

Gonfiore addominale e pancia gonfia, perché?

Il nostro intestino ospita circa 150 ml di gas che rientrano in un complesso sistema in equilibrio che regola il processo di respirazione cellulare. I gas in eccesso a livello intestinale vengono infatti assorbiti per essere sciolti nel sangue e portati ai polmoni, dove vengono eliminati con l’emissione del respiro.

I gas intestinali sono composti principalmente da azoto, ossigeno, idrogeno, monossido di carbonio e metano provenienti dalla digestione e fermentazione degli alimenti nel loro lungo “viaggio” nell’intestino. La pancia gonfia è la conseguenza di un eccesso di tali gas che porta ad un evidente gonfiore addominale.

L’eccesso di gas generalmente è dovuto a:

  • Alterazioni della flora batterica intestinale a cui consegue un aumento delle fermentazioni;
  • Una funzionalità epatica non ottimale;
  • Un’alimentazione scorretta ed in particolare ricca di alimenti che aumentano la produzione di gas.

A tali fattori si aggiungono caratteristiche anatomiche e fisiologiche che rendono la donna generalmente più predisposta dell’uomo.

Fattori anatomici e fisiologici che favoriscono il gonfiore addominale

Le donne, nel corso della loro vita, tendono a soffrire in modo maggiore rispetto agli uomini di flatulenza, ovvero di un eccesso di gas intestinali e gonfiore addominale. In termini di incidenza del disturbo, le cause sono diverse e riguardano sia aspetti prettamente anatomici che fisiologici. Nello specifico i fattori che rendono le donne più soggette a problemi di pancia gonfia sono:

A livello anatomico:

  • la maggiore lunghezza del colon nel sesso femminile utile durante la gravidanza;
  • la muscolatura addominale meno sviluppata di quella del sesso maschile.

A livello fisiologico:

  • la notevole influenza degli ormoni femminili sulle attività intestinali e sul metabolismo in genere.

Entriamo ora più nel dettaglio per capire quali sono i fattori maggiormente coinvolti.

Le donne, nel corso della loro vita, tendono a soffrire in modo maggiore rispetto agli uomini di flatulenza

In menopausa gli estrogeni calano e il metabolismo rallenta

Il rallentamento del metabolismo nel periodo della menopausa è notevole, soprattutto a causa della diminuzione degli estrogeni in grado di influenzare il quantitativo degli ormoni tiroidei implicati nella regolazione metabolica. Con il rallentamento del metabolismo il nostro organismo non è più in grado di bruciare le calorie ingerite come un tempo e siamo soggette ad un più facile aumento del peso, con un accumulo di grasso concentrato soprattutto nella zona della pancia e dei fianchi.

In menopausa l’adipe migra mentre gli ormoni fluttuano

In menopausa le fluttuazioni ormonali sono la prima causa della comparsa del gonfiore addominale. Il calo estrogenico, ad esempio, è in grado di determinare una diversa distribuzione del tessuto adiposo su fianchi, addome e glutei. Questo perché i recettori del grasso sottocutaneo risultano molto sensibili a questi ormoni; basta quindi una piccola alterazione per modificare la distribuzione del grasso corporeo. Oltre a questo si verifica anche una diminuzione dei livelli di testosterone, un ormone che ha effetti positivi sul corpo femminile in termini di eliminazione del grasso sottocutaneo, cellulite e stimolazione della massa grassa.

Fame vorace e stress in menopausa

In menopausa tendiamo a mangiare di più e in modo meno sano, principalmente a causa di un maggiore stress e nervosismo. Le fluttuazioni ormonali, come sappiamo, sono in grado di provocare sbalzi di umore responsabili della cosiddetta “fame nervosa” dovuta al bisogno di mangiare di più, consumare alimenti dolci e cibi “gratificanti”. Anche in questo caso la colpa è da ricercare nella diminuzione di determinati ormoni, tra questi il progesterone. Quest’ultimo possiede infatti proprietà rilassanti, tanto che una diminuzione dei suoi livelli può provocarci inquietudine e difficoltà nel riposare. Stress e mancanza di sonno non solo possono agire negativamente sulla digestione, determinando una maggiore produzione di gas intestinali che gonfiano la nostra pancia, ma innescano altri meccanismi quali un aumento dei livelli di cortisolo. L’innalzamento di quest’ultimo può provocare aumento di peso e disturbi digestivi, oltre che una maggiore predisposizione alla sindrome dell’intestino irritabile.

Con l’età i muscoli normalmente si rilassano anche sulla pancia

Il rilassamento dei muscoli addominali nella donna in menopausa è responsabile di un aumento del volume addominale. Andando avanti con l’età il tono muscolare tende infatti a diminuire, anche in relazione ad una minore attività fisica che spesso, purtroppo, nelle donne in menopausa si trasforma in una sedentarietà quasi assoluta.

Il “dolce” che gonfia di più in menopausa

Abbiamo visto che gli zuccheri o i carboidrati tendono, in generale, a favorire la formazione di gas intestinali. Le alterazioni ormonali tipiche della menopausa sono anche correlate ad un’alterazione quantitativo/qualitativa degli enzimi deputati alla digestione degli zuccheri. Squilibri enzimatici in tal senso possono rendere più difficoltosa la digestione di questi ultimi, che tendono perciò a fermentare a livello intestinale producendo gas in grado di provocare gonfiore. Ciò, associato al rallentamento metabolico, è una delle prime cause di gonfiore addominale.

La maggior ritenzione idrica arriva a gonfiare!

Il problema della ritenzione idrica in menopausa può essere responsabile anche di un aumento del gonfiore addominale. In particolare la pancia gonfia può essere la conseguenza dell’accumulo di liquidi che si verifica soprattutto in quelle zone del corpo in cui è presente una maggior quantità di tessuto adiposo, come nel caso della pancia.

Controlla il gonfiore addominale per la tua salute!

Problemi di salute dovuti a patologie dell’apparato gastrointestinale o pelvico, come ad esempio colon irritabile, fibromi uterini, cisti ovariche, cancro del colon o dell’ovaio, tendono a comparire con maggior frequenza andando avanti con l’età. Per tal motivo in menopausa si consiglia di svolgere regolarmente controlli preventivi e rivolgersi sempre al proprio medico o ginecologo per disturbi ricorrenti come dolori addominali ed eccessiva rigidità dell’addome.

Conclusioni

Abbiamo visto insieme diversi fattori che possono favorire il gonfiore addominale. Se hai problemi di pancia gonfia in menopausa ricorda di tenerli sotto controllo e di seguire alcuni consigli. In particolare i rimedi per la pancia gonfia in menopausa sono diversi e riguardano soprattutto l’alimentazione e lo stile di vita. Leggi il nostro articolo con i consigli per contrastarla!

Vuoi maggiori informazioni?