Vitamine da assumere in menopausa

Vitamine del gruppo B per il tuo benessere in menopausa

28.11.2019
Vuoi conoscere un supporto per il benessere fisico e mentale? Scopri i benefici le vitamine del gruppo B... anche in menopausa!

Le vitamine del gruppo B sono responsabili della nostra vitalità sia fisica che mentale. Regolano infatti fin dalla nascita il normale funzionamento del nostro organismo e sostengono il nostro benessere.

Ora, non resta che scoprire perché sono importanti alleate della donna… anche in menopausa!

Identikit delle Vitamine del Gruppo B

Le Vitamine B sono un gruppo di ben 9 micronutrienti, essenziali per il funzionamento del nostro organismo.

Si tratta di un gruppo eterogeneo di molecole ben distinte che, per semplicità, siamo ormai abituati a chiamare Vitamine B o Vitamine del Gruppo B.

In realtà, sono diverse e ognuna di essa svolge una funzione specifica. Eccole nel dettaglio:

  • Vitamina B1 (o Tiamina)
  • Vitamina B2 (o Riboflavina)
  • Vitamina B3 (o Niacina)
  • Vitamina B5 (o Acido pantotenico)
  • Vitamina B6 (o Piridossina)
  • Vitamina B7 (o Colina)
  • Vitamina B8 (o Biotina)
  • Vitamina B9 (o Acido folico)
  • Vitamina B12 (o Cobalamina)

In generale, come tutte le altre vitamine, anche quelle del gruppo B sono classificate come micronutrienti essenziali proprio perché sono necessarie in quantità molto piccole (mg o mcg), rispetto a carboidrati, proteine e grassi.

Inoltre, sono definite essenziali in quanto l’organismo umano non è in grado di sintetizzarle e devono essere assunte tramite il cibo.

In particolare, quando si tratta di vitamine e minerali ci si riferisce al fabbisogno giornaliero (VNR o Valori Nutritivi di Riferimento) ovvero alla quantità giornaliera di ogni singolo elemento necessario al nostro organismo per funzionare al meglio.

Vitamine del gruppo B, alimentazione e nutrizione

Le vitamine del gruppo B sono ampiamente presenti in diversi alimenti di origine animale e vegetale, come:

  • Lievito di birra
  • Cereali integrali
  • Verdure a foglia verde
  • Carne
  • Pesce
  • Latte
  • Uova

Per questo motivo una loro carenza è considerata abbastanza rara e legata ad una dieta particolarmente restrittiva.

Anche la lavorazione e la manipolazione casalinga o industriale degli alimenti incidono sulla presenza delle vitamine; alcune vitamine del gruppo B, infatti, sono termosensibili e fotosensibili e la cottura, così come altri trattamenti, ne può diminuirne la concentrazione.

Inoltre alcune situazioni possono aumentare il fabbisogno di vitamine B; lo stress e l’utilizzo di alcuni farmaci come gli antibiotici, così come problematiche intestinali di malassorbimento o alterazioni ormonali, tipiche in premenopausa e menopausa.

In ogni caso, quando l’alimentazione non basta, sia in caso di carenza che di aumentato fabbisogno, potrebbe essere indicata l’integrazione di vitamine B per coprirne il fabbisogno giornaliero.

Ma perché una corretta assunzione di vitamine del gruppo B è essenziale anche in menopausa?

Vitamine del Gruppo B: una carica di energia e meno stress

Le vitamine del gruppo B sono coinvolte come coenzimi in vari step del metabolismo di carboidrati, proteine e grassi, una serie di reazioni necessarie per trasformare i macronutrienti in energia.

Ecco perché la maggior parte delle vitamine B sostiene il normale metabolismo energetico e il regolare funzionamento del sistema nervoso.

Le vitamine del gruppo B, inoltre, sono sinergiche nel favorire la riduzione di stanchezza e affaticamento, e la fisiologica funzione psicologica. In particolare, le vitamine B1, B2 e B5 favorirebbero un maggior adattamento allo stress, modulando la fisiologica funzionalità cortico-surrenale.

Anche la vitamina B3 è spesso considerata una vitamina antistress. La Vitamina B3, infatti, regola la produzione di triptofano, il precursore della serotonina, uno dei principali neurotrasmettitori coinvolti nella modulazione dell’umore e della risposta allo stress a livello mentale.

L’integrazione di tutte le vitamine del gruppo B in tali situazioni si è dimostrata particolarmente utile nel favorire metabolismo energetico, sistema nervoso e funzione psicologica.

Anche in menopausa le vitamine B sono importanti nutrienti per il benessere delle donne in questa delicata fase della loro vita. Vediamo come.

Vitamine del Gruppo B e menopausa: quando energia e umore vacillano

La menopausa, prima, durante e dopo, sottopone l’organismo a scombussolamenti ormonali che possono favorire una certa carenza di energia e stati di profonda spossatezza.

Per alcune donne, affrontare questa fase della vita può rappresentare un periodo di importante stress che si ripercuote a livello mentale e fisico, favorendo stanchezza e astenia.

Per questo motivo, è molto utile per le donne in menopausa sapere che le vitamine del gruppo B favoriscono la vitalità e l’energia nei batteri che compongono la fisiologica microflora batterica intestinale.

E questa è una caratteristica importante per mantenere il microambiente intestinale sano – condizione importante per la donna in menopausa, al fine di limitare disbiosi tipiche in questa fase della vita e ottimizzare l’assunzione dei fitoestrogeni naturali, molecole che vengono attivate proprio da alcuni batteri intestinali durante l’assorbimento.

Vitamine B: un aiuto per vari sintomi della menopausa

Le vitamine B2, B6, B9 e B12 sono coinvolte in numerosi processi che potrebbero essere alterati dagli scombussolamenti ormonali tipici della menopausa e, oltre a vampate di calore, problemi dell’umore e alterazioni di pelle, capelli e unghie, una loro carenza potrebbe favorire anche l’osteoporosi e accelerare l’invecchiamento cellulare a livello di sistema nervoso e non solo. Vediamo tutto nello specifico.

La vitamina B6 è coinvolta nella regolazione dell’attività ormonale e, come la vitamina B12, interviene nel processo di divisione cellulare. Anche l’integrazione di acido folico sarebbe associata ad una riduzione delle vampate di calore, evidenza che richiede comunque ulteriori approfondimenti.

Acido folico e vitamina B6 sembrerebbero, inoltre, coinvolti nella fisiologica produzione della matrice non minerale dell’osso, svolgendo quindi un ruolo protettivo nella prevenzione dell’osteoporosi.

La carenza di vitamina B2 è stata associata a un aumentato rischio di fratture e di osteoporosi nella donna in menopausa.

Anche la salute di pelle e capelli è condizionata dalle Vitamine B. Non a caso, la biotina (o vitamina B8) è nota come sostegno per preservare struttura ed elasticità della pelle e mantenere la naturale vitalità di pelle e capelli.

Infine, le vitamine del gruppo B sono utili per mantenere la vitalità dell’organismo e preservarlo dagli effetti del normale invecchiamento cellulare. In particolare, la carenza di vitamina B2 e/o di acido folico è stata associata ad alterazioni delle funzioni cognitive.

La carenza di vitamine B6, B12 e B9, inoltre, è collegata all’iperomocisteinemia. Ma di cosa si tratta? E perché è importante conoscerla per le donne in menopausa (e non solo)?

Un piccolo focus sull’iperomocisteinemia

La produzione eccessiva di omocisteina determina l’iperomicisteinemia, una problematica, come già accennato, collegata alla carenza di vitamine B6, B12 e B9.

In particolare, queste vitamine B fungono da cofattori nel metabolismo della metionina che, in seguito a una loro carenza, devia dal suo normale decorso portando all’aumento dei livelli di omocisteina del sangue (o iperomocisteinemia).

L’iperomocisteinemia è associata a un aumentato rischio di problematiche cardiovascolari alla stregua dell’ipercolesterolemia.

Ma non solo, negli ultimi anni sarebbe stato evidenziato che elevati livelli di omocisteina sono associati a una maggior tendenza allo sviluppo di osteoporosi, demenza e altre problematiche neurodegenerative come l’Alzheimer.

Gli studi, inoltre, hanno evidenziato che l’integrazione di vitamina B6, B12 e B9, singole o in associazione a seconda dello stato di carenza, rappresenta un utile supporto per regolare il fisiologico metabolismo dell’omocisteina ed evitarne una produzione eccessiva.

Tra tutte, ricordiamo che la vitamina B12 è presente esclusivamente in alimenti di origine animale e, quindi, va monitorata nelle donne in menopausa che seguono una dieta vegetariana o vegana.

Infine, la carenza di vitamina B12 risulterebbe particolarmente diffusa nella donna in menopausa e nell’anziano.

Abbiamo visto come un’alimentazione con il giusto apporto di vitamine B in menopausa (ma non solo) è essenziale per mantenere energia e vitalità e favorire il benessere, prevenendo diverse problematiche legate all’invecchiamento.

In conclusione, possiamo dire che le vitamine del gruppo B(enessere) sono un supporto indispensabile per la donna in menopausa!

Prodotti consigliati

Vuoi maggiori informazioni?

Questo sito utilizza tecnologie più recenti per garantirti un'esperienza di utilizzo semplice e funzionale.
Per visualizzarlo scarica e installa un browser più recente, per esempio
Google Chrome, Mozilla Firefox o Microsoft Edge