Menopausa e osteoporosi: cause e prevenzione | Menopausa.com
Menopausa e osteoporosi

Osteoporosi: cause e prevenzione in vista della menopausa

| 13.02.2018

L’osteoporosi è una patologia che colpisce alcune donne in menopausa. Una problematica che si può prevenire seguendo alcuni suggerimenti utili ed essenziali.

Vediamoli insieme.

Che cos’è l’osteoporosi

L’osteoporosi è una patologia in cui le ossa diventano porose e deboli. Il termine osteoporosi significa infatti ossa porose. Tale problematica è caratterizzata da una perdita di massa ossea e diminuzione del contenuto minerale di calcio in essa contenuto. Al microscopio il tessuto osseo sano presenta una particolare maglia a nido d’ape. In caso di osteoporosi lo spazio dei nidi risulta allargato, rendendo così l’osso più debole in quanto risulta maggiormente cavo.

L’osteoporosi si manifesta quando il normale e fisiologico riassorbimento osseo non viene più bilanciato da una sufficiente produzione del tessuto in questione. Le ossa divengono in tal modo fragili e maggiormente soggette a frattura, come risultato della diminuzione della densità e cambiamento della loro microarchitettura. Il tessuto osseo, nello specifico, è composto da una parte minerale, principalmente calcio, ma anche fosforo, magnesio, silicio e zinco, e una matrice proteica, costituita principalmente da collagene. In presenza di osteoporosi risultano alterate sia la componente minerale che proteica.

Click to Tweet

L’osteoporosi si manifesta quando il normale riassorbimento osseo non viene più bilanciato da una sufficiente produzione di tessuto osseo.

L’osteoporosi è caratterizzata da un decorso lento e silenzioso, ovvero si sviluppa “in sordina” e si manifesta con sintomi tipici come il dolore, la suscettibilità alle fratture e la diminuzione di altezza, quando la perdita di densità ossea ha già raggiunto livelli importanti, circa il 30%. Si è infatti evidenziato che la perdita di densità ossea spesso inizia intorno ai 30 anni e i primi sintomi si manifestano però intorno ai 40 anni. Una moderata perdita di densità ossea è comunque normale con l’avanzare dell’età e il fisiologico invecchiamento e non è da imputarsi all’osteoporosi. Durante la menopausa comunque per alcune donne tale perdita aumenta in modo consistente favorendo l’insorgenza dell’osteoporosi.

Perché in menopausa siamo maggiormente soggette a questa patologia?

La forza delle nostre ossa si fonda sull’equilibrio di due processi: la formazione ossea e il riassorbimento. In generale, sia per l’uomo sia per la donna, dopo i 45 anni, questo equilibrio si sbilancia a favore del riassorbimento, per cui le ossa diventano più sottili e più fragili. Nella donna, con il sopraggiungere della menopausa, questo sbilanciamento diventa ancora più accentuato: in questa fase della vita, con il calo degli estrogeni che agisce sull’assorbimento di calcio, la densità delle ossa e la composizione dei tessuti molli cominciano a cambiare: la prima diminuendo notevolmente, la seconda perdendo sempre più le sue proprietà elastiche.

Gli estrogeni svolgono infatti un ruolo centrale nella formazione e mantenimento del tessuto osseo, ad esempio:

  • promuovono il riassorbimento del calcio a livello renale;
  • favoriscono la conversione della vitamina D e il conseguente assorbimento intestinale del calcio stesso;
  • incrementano la sintesi di calcitonina.

Una loro carenza, invece, stimola una maggiore attività degli osteoclasti (cellule deputate al disassemblaggio del tessuto osseo) e un aumentato riassorbimento.

Donne più a rischio di osteoporosi

Il rischio di osteoporosi per le donne risulta quattro volte superiore a quello degli uomini. Negli uomini la quantità di calcio di partenza è generalmente superiore e, inoltre, la perdita di densità ossea avviene più lentamente. Per le donne invece, oltre all’influenza negativa delle alterazioni ormonali della menopausa sulla struttura e fisiologia dell’osso, è di rilevante importanza la massa ossea con cui si arriva alla menopausa perché di protezione nei confronti della perdita ossea post-menopausale.

Altri fattori che possono favorire l’osteoporosi sono:

  • alimentazione carente di nutrienti essenziali per la costruzione dell’osso;
  • mancanza di esercizio fisico;
  • assunzione di farmaci (corticosteroidi) distruttivi per l’osso;
  • uso di alcool, caffeina, nicotina e zucchero.

È possibile prevenire l’osteoporosi in menopausa?

La prevenzione, in questo caso, è l’arma migliore. Gli studi hanno evidenziato che cambiamenti dello stile di vita che prevedano la regolare pratica di una moderata attività fisica quotidiana, assieme alla dieta e all’integrazione nutrizionale, si sono rivelati utili nel prevenire l’osteoporosi e nel prepararsi ad affrontare nel migliore dei modi anche altri sintomi legati alla menopausa.

In particolare una costante attività fisica associata ad una dieta mirata, permetterà di rafforzare l’apparato muscolare e sopperire in parte alla maggiore fragilità ossea. Più precisamente, dal momento che la demineralizzazione ossea è alla base dello sviluppo anche precoce dell’osteoporosi, è importante contrastarla apportando nella dieta la giusta quantità di minerali, quali calcio (contenuto in grandi quantità in latte e derivati) e vitamine (A, C, D contenute soprattutto in frutta e verdura). Una carenza di quest’ultime può inoltre essere responsabile di alterazioni a livello osseo e cartilagineo. Importantissima poi, è l’esposizione alla luce solare per favorire la sintesi della vitamina D.

Vitamina D essenziale per le ossa ad ogni età!

Negli ultimi anni si è evidenziata una sempre maggiore carenza di vitamina D a livello globale a tutte le età, un problema che vede la comunità scientifica impegnata in diversi studi e discussioni. La vitamina D è nello specifico essenziale per le ossa in quanto ne regola il turnover a diversi livelli favorendo un’adeguata mineralizzazione dello scheletro attraverso il controllo, ad esempio, dell’assorbimento e della disponibilità di calcio e fosforo.

L’uomo produce la maggior parte della vitamina D di cui ha bisogno principalmente esponendosi al sole. Inoltre una piccola quota di vitamina D la assumiamo mangiando i cibi che la contengono. Le principali fonti alimentari di vitamina D sono l’olio di fegato di merluzzo e i pesci grassi (salmone, aringa, ecc.) ricchi in Omega 3 ed in quantità molto più piccole le uova, i cereali e i latticini.

Generalmente si attribuisce la carenza diffusa di vitamina D alla minor esposizione al sole della popolazione e, allo stesso tempo, a un’esposizione controllata che, se da una parte vuole proteggere dai danni del sole, dall’altro incide negativamente sulla sintesi di vitamina D fisiologica. Si pensi che anni fa l’esposizione al sole durante i mesi estivi garantiva la vitamina D necessaria per un anno. Il controllo costante dei livelli di vitamina D nella donna dopo i 30 anni è considerato importante per prevenire l’osteoporosi a 50 anni. La carenza di vitamina D infatti può essere risolta con l’integrazione della stessa secondo prescrizione medica.

Conclusioni

Abbiamo visto come uno stile di vita e un’alimentazione volte alla prevenzione dell’osteoporosi sono essenziali per la salute delle nostre ossa in menopausa. Inoltre anche il controllo dei livelli di vitamina D è fondamentale fin dai 30 anni per arrivare alla menopausa con un tessuto osseo sano. Infine ci sono alcuni specifici esami che possono aiutarci a conoscere lo stato di salute delle nostre ossa in menopausa. Leggi quest’articolo per ulteriori approfondimenti.

Vuoi maggiori informazioni?