Pelle secca in menopausa: perché accade e come porne rimedio
Menopausa e pella secca cause e interventi

Perché la pelle del viso diventa secca in menopausa?

Disturbi menopausa | 08.02.2018

In menopausa molte donne, oltre ad andare incontro ai classici sintomi di questa fase della vita (vampate di calore, aumento della sudorazione notturna, aumento del peso e altri), si trovano a dover fare i conti con alcuni sintomi secondari che, pur comparendo meno frequentemente, risultano comunque estremamente fastidiosi.

Tra questi la comparsa della pelle secca in menopausa, in particolare sulla zona del viso, è una delle conseguenze più frequenti ma anche tra quelle più gestibili seguendo alcuni consigli sullo stile di vita, l’alimentazione e utilizzando cosmetici adatti per il benessere e l’igiene della propria persona.

Idratazione e pelle del viso

L’idratazione della pelle del viso è condizionata da diversi fattori, sia interni che esterni.

  • Per fattori interni si considera nello specifico l’influenza che l’alimentazione e lo stile di vita possono avere sulla naturale idratazione della propria pelle, condizionando le normali funzionalità organiche che la regolano. In particolare bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno ed inserire adeguate quantità di frutta e verdura rappresentano abitudini fondamentali per assicurare anche alla pelle del viso la giusta quantità di acqua. Inoltre, anche la reintegrazione dei liquidi, se si svolge attività fisica o nei periodi dell’anno in cui si suda di più, è essenziale per assicurare alla pelle la sua normale idratazione.
  • La pelle del viso è inoltre esposta a diversi fattori esterni che possono favorirne la disidratazione. Si tratta infatti di una delle parti del nostro corpo maggiormente “attaccata” dall’esterno; il freddo pungente, il caldo eccessivo, l’aria o l’ambiente privi di umidità, e altre condizioni climatiche e ambientali, assieme ai raggi UV, ne influenzano il benessere e il grado di idratazione. Per questi motivi la scelta dei cosmetici adatti ad ogni tipo di pelle è essenziale non solo per garantirne la bellezza e il benessere, ma anche per preservare il naturale film idrolipidico che la ricopre. Questo infatti impedisce l’evaporazione dell’acqua intrinseca, ovvero quella presente negli strati della cute più profondi, soprattutto nell’area del viso.

Nello specifico si evidenzia che quando il livello di idratazione delle cellule che compongono l’epidermide del viso si abbassa al di sotto dell’8-10%, la pelle diventa secca, ruvida e screpolata. Andando avanti con l’età, poi, le cellule tendono naturalmente ad invecchiare e la struttura delle loro membrane cambia a tal punto che le stesse risultano più vulnerabili agli agenti esterni. A questo si aggiunge il fatto che con l’età si tende non solo a bere meno, ma anche a perdere più liquidi, favorendo così una maggiore disidratazione, e che per molte donne i cambiamenti ormonali rappresentano un’ulteriore fattore favorente la pelle secca in menopausa.

Click to Tweet

Con l’età si tende non solo a bere meno, ma anche a perdere più liquidi, favorendo così una maggiore disidratazione della pelle.

Gli effetti della menopausa sulla pelle: il ruolo degli estrogeni

Un ruolo chiave nell’aumento della pelle secca in menopausa è certamente rivestito dagli ormoni. Gli estrogeni possono essere considerati dei veri e propri ormoni anti-age. Quando la loro produzione da parte delle ovaie diminuisce in seguito all’entrata in menopausa, la pelle appare più secca e sottile e, di conseguenza, più delicata. I primi effetti della menopausa sulla nostra pelle sono infatti riferibili ad episodi di flushing (arrossamento al volto) ed aumento della secchezza, con notevole riduzione nella produzione di sebo, sensazione di assottigliamento e comparsa di rughe.

Ciò è dovuto in larga parte ad una diminuzione del collagene interno alle cellule. In media, una donna in menopausa ne perde il 2,1% l’anno. Tale diminuzione è molto più rapida durante la fase di menopausa e i primi anni della post-menopausa, raggiungendo un calo del 30% nei primi cinque anni. Questa riduzione comincia intorno ai 40 anni ma si accentua dopo l’inizio della menopausa; donne che entrano in menopausa precocemente vanno incontro ad un invecchiamento precoce della pelle.

Gli estrogeni infatti influenzano la produzione di collagene ed elastina, attraverso alterazioni significative del normale ciclo cellulare dei cheratinociti e la riduzione dell’attività dei fibroblasti, cellule deputate alla sintesi del collagene stesso. Diversi studi hanno infatti evidenziato la funzione regolatoria degli estrogeni, i quali – interagendo con specifici recettori – controllerebbero l’attività dei cheratinociti e dei fibroblasti. È stato inoltre osservato come gli estrogeni abbiano un effetto protettivo verso numerose cellule e tessuti, compresa la cute, rispetto allo stress ossidativo causato da fattori ambientali di varia natura. Tale effetto sarebbe in parte mediato dalla particolare struttura chimica di questi ormoni in grado di interagire direttamente con i radicali liberi dell’ossigeno, neutralizzandone la reattività.

Possibili rimedi naturali alla pelle secca in menopausa

Un aumento della pelle secca in menopausa può essere fastidioso ma, come sempre, non dobbiamo farci spaventare. Esistono rimedi semplici ed efficaci che possono aiutarci a mantenere la nostra pelle sana più a lungo.

  1. Innanzitutto cominciamo con l’idratarci a dovere e nel modo giusto. Assumere molti liquidi è un buon modo per evitare la disidratazione dei tessuti e possiamo farlo cominciando col bere più acqua e mangiando tanta frutta (cocomero, mela, pera ecc.) e verdura (spinaci crudi, ravanelli, finocchi, cetrioli).
  2. Per sostenere la produzione del collagene cerchiamo di assumere un adeguato apporto di vitamina C contenuta in agrumi e bacche e utilizziamo integratori di silicio e selenio.
  3. Facciamo attenzione ai saponi che utilizziamo: evitiamo quelli troppo aggressivi e schiumogeni a base di tensioattivi, che alterano i lipidi dell’epidermide. Meglio detergenti delicati ed in grado di apportare sostanze emollienti ed idratanti.
  4. Idratiamo la nostra pelle più volte al giorno con creme, gel o sieri a base di fitormoni in grado di agire sulle cellule più superficiali stimolando il benessere e la corretta attività cellulare, anche in termini di produzione di collagene.
  5. Cerchiamo di mantenere uno stile di vita sano in termini di alimentazione, ma anche di movimento; evitiamo fumo e alcol e proteggiamo sempre attentamente la nostra pelle contro il freddo ma soprattutto contro il sole in estate!

Vuoi maggiori informazioni?

<